14 Ottobre 2019

Digitale Terrestre: switch off al DVB-T2

AGGIORNAMENTO

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha recentemente pubblicato gli esiti della procedura di assegnazione delle frequenze per le TV nazionali.

In base ai criteri della delibera n. 129/19/Cons Agcom, il Mise ha assegnato i diritti d’uso delle frequenze come segue: 

  • 2,5 multiplex a testa per RaiMediaset (Elettronica Industriale) e Persidera.
  • 1 Mux per Wind-3  (3lettronica Industriale) e Prima TV di Tarak Ben Ammar
  • Metà Mux per Cairo NetworkReteCapri (Premiata Ditta Borghini e Stocchetti di Torino), Europa Way (Europa 7).

Clicca qui per ulteriori informazioni e dettagli.


Entro il 30 giugno 2022 verrà completato il passaggio al nuovo standard di trasmissione digitale DVB-T2, che comporterà il trasferimento delle frequenze televisive su bande diverse così da lasciare spazio agli operatori telefonici per lo sviluppo delle reti di comunicazione ad alta velocità senza fili.

Il passaggio avverrà in maniera graduale: la prima fase consisterà nel passaggio dall’MPEG-2 all’MPEG-4 (sempre DVB-T), mentre la seconda fase consiste nel passaggio definitivo dal DVB-T MPEG-4 al DVB-T2 HEVC.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha recentemente pubblicato il calendario nazionale della nuova roadmap del digitale terrestre con importanti aggiornamenti circa le date relative al primo switch-off (da MPEG-2 a MPEG-4).

Nel dettaglio è stato deciso di posticipare il passaggio al 1° settembre 2021 rispetto alla data originaria del 1° gennaio 2020. Questa prima fase prevede una suddivisione dell’Italia in in 4 macro-aree in cui il passaggio delle frequenze e il relativo riassetto si completerà con tempi differenti:

  • AREA 2 e AREA 3 – Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna termineranno il processo tra il 1° settembre e il 31 dicembre 2021
  • AREA 1 – Dal 1° gennaio al 31 marzo 2022 toccherà poi a Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna.
  • AREA 4 – La transizione si completerà poi tra il 1° aprile e il 20 giugno 2022 con Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise e Marche.

Resta invece invariata la seconda fase dello switch-off ossia il passaggio definitivo al DVB-T2 HEVC che avverrà a livello nazionale nel periodo dal 21 al 30 giugno 2022.


ALLEGATI:

DM 19 agosto 2019 – Nuovo Calendario rilascio banda 700MHz

CAPTIAMO LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ PER IL TUO BUSINESS